Come capire l’età di una regina

Si ritiene comunemente che un’ape regina possa vivere fino a circa 5 anni. Se consideriamo che un’ape operaia (originata da un uovo identico a quello della regina) vive in estate solo 30-40 giorni, non possiamo far altro che meravigliarci se pensiamo all’effetto che la nutrizione a base di pappa reale ha su questi fantastici insetti!

Anche se la regina può vivere fino a 5 anni, sappiamo però che dal momento della fecondazione in poi, la sua fertilità cala costantemente ed è per questo che in ambito professionale solitamente si tende a sostituire la “vecchia” regina con una nuova ogni anno, oppure ogni due anni.

A livello pratico, il feromone emesso dalla regina va sempre più scemando, e questo aumenta la probabilità di sostituzione naturale da parte delle api. Esistono anche altri motivi per cui le api possono decidere di sostituire la regina, ma in questo articolo non entrerò nel dettaglio.

Una regina “vecchia” deporrà sempre meno uova fecondate (quindi femminili) e produrrà sempre più fuchi, causando problemi a livello produttivo e scarsità di forza lavoro disponibile all’interno dell’alveare.

Per capire in maniera rapida quale sia l’età di un’ape regina durante l’ispezione dell’alveare, è pratica comune quella di marcare la regina con un apposito colore riferito all’anno di nascita.

Sono stati scelti quindi 5 colori, uno per ogni anno, in modo da poter essere riutilizzati ciclicamente:

  • Azzurro:  per gli anni che finiscono con 0 e con 5.
  • Bianco: per gli anni che finiscono con 1 e con 6.
  • Giallo: per gli anni che finiscono con 2 e con 7.
  • Rosso: per gli anni che finiscono con 3 e con 8.
  • Verde: per gli anni che finiscono con 4 e con 9.

La marcatura della regina solitamente avviene a fecondazione avvenuta. È possibile acquistare una vernice apposita molto resistente che asciuga rapidamente e non crea problemi alla regina nell’arco della sua vita. Mi è stato detto però che anche l’utilizzo del più economico Uni POSCA non crea problemi.

Marquage d'une reine.
La marcatura deve essere effettuata sul torace senza imbrattare gli occhi o altre parti del corpo della regina.

Esistono diversi strumenti che possono essere utilizzati per marcare la regina agevolmente.

Trattandosi di insetti molto delicati, è bene fare molta attenzione se non si ha dimestichezza; oppure si può optare per l’utilizzo di strumenti appositi che rendano la pratica meno rischiosa.

Maneggiare una regina in maniera maldestra può voler dire, per esempio, danneggiarla e renderla impossibilitata a deporre!

Se si vuole imparare a maneggiare una regina si può iniziare facendo pratica con dei fuchi, state tranquilli, non pungono!

È importante marcare la regina solo sul torace, senza imbrattare gli occhi o altre parti del corpo!

 

MARCATURA CON STANTUFFO:

stantuffo
Stantuffo in gommapiuma nel quale viene inserita la regina da marcare. Costa pochi euro ed è molto efficace.
stantuffo2
La regina viene immobilizzata solo qualche istante per marcarla in sicurezza. Poi viene liberata.

 

 

 

 

 

 

 

MARCATURA CON FORCELLA:

marcatura2
Con la forcella possiamo marcare la regina senza doverla spostare dal telaino in cui si trova.

Questo strumento invece consiste nell’utilizzo di una forcella (può essere fabbricata anche artigianalmente con del fil di ferro un po’ spesso) ed un elastico.

L’elastico viene appoggiato fra il torace e l’addome della regina direttamente sul telaino in cui si trova.

In questo modo la regina viene immobilizzata e possiamo procedere alla marcatura senza il rischio di imbrattarla di colore o di fare qualche altro danno.

Come sempre bisogna lavorare in maniera pulita e con delicatezza. Qualora ci fossero problemi durante l’operazione di marcatura, sia con questo che con i metodi sopra elencati, non è raro andare incontro al fenomeno dell’agglomeramento.

Quando le api operaie per qualsiasi motivo decidono di non accettare la regina, può capitare che decidano di agglomerarsi attorno a questa circondandola fino a portarla al soffocamento.

balling
Api in agglomeramento su di una regina purtroppo non accettata.

Ancora una volta il mondo delle api si dimostra ricco di comportamenti ed informazioni che hanno dello straordinario. Molte cose devono ancora essere scoperte ed altre non sappiamo ancora spiegarci per quale motivo accadano.

Ciò che è certo è che si spera di poter arrivare un giorno ad una più profonda comprensione di ciò che fanno e di cosa muove quel fantastico superorganismo che è l’alveare.

Come sempre, se ti è piaciuto l’articolo e vuoi ricevere informazioni su novità e aggiornamenti del blog, clicca sul pulsante ISCRIVITI in fondo alla pagina e segui le istruzioni!

A presto!

Condividi l'articolo:

5 Replies to “Come capire l’età di una regina

    1. Grazie del commento Laura, sono completamente d’accordo con te. L’aspettativa di vita della regina rispetto ad un’operaia è superiore di circa 50-60 volte. Se ci pensiamo è una differenza spaventosa!
      Peccato che la pappa reale non allunghi di così tanto la vita anche a noi, forse saremmo più rispettosi nei confronti delle api.
      Anzi, conoscendo la natura umana la cosa non è poi così scontata 😅.
      A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *