Cos’hanno in comune l’ortica e le api?

Guardando la serie RAI online “L’insospettabile talento delle piante“, mi sono imbattuto in una puntata dedicata all’ortica.

Nel documentario viene infatti spiegato che la sostanza urticante presente nella pianta contiene acido formico, che è poi lo stesso acido presente nel veleno che le api ed alcuni tipi di formiche utilizzano per difendersi. Ed è la stessa sostanza che viene utilizzata nei trattamenti per il controllo della varroa.

Nel documentario, che vi consiglio di guardare, si parla dell’ortica non solo come pianta ma anche come simbolo di lotta, con riferimento alle vicende avvenute in Francia per cui il macerato di ortica tanto utilizzato in agricoltura è stato addirittura dichiarato illegale.

Per chi volesse vedere il documentario questo è il link:  L’insospettabile talento delle piante – Ortica

Riporto le parole (tratte dal documentario) di due biologi del suolo francesi che oggi aiutano gli agricoltori a salvare la loro terra, quando è ancora possibile:

Si utilizzano dei prodotti chiamati pesticidi. Uccidono quello che per noi è peste, cioè tutto quello che non consideriamo buono, perché abbiamo una visione decisamente infantile della natura, da cowboy. Ci sono i buoni e i cattivi, e sono quasi tutti cattivi. C’è qualche buono, come la coccinella, che ha il diritto di esistere, ma per noi la natura è soprattutto un universo terrificante.

Bisogna uccidere tutti i cattivi, e abbiamo creato una parola, pesticidi, per le sostanze che permettono di eliminare gli insetti e i funghi. Non si fanno distinzioni, si uccide tutto e basta, e va bene così. Ma se a qualcuno viene in mente di utilizzare il macerato di ortica è una tragedia, tutto questo non ha senso!

In certi casi quando i pesticidi vengono utilizzati per molto tempo si arriva alla morte del suolo. Significa che non ci si può più coltivare niente.

Bisogna quindi ridare vita al suolo; se abbiamo impiegato 50 anni a impoverire e distruggere il suolo ce ne vorranno altrettanti per guarirlo. Purtroppo l’uomo sta incominciando a rispettare il pianeta solo dopo averlo distrutto.

Fortunatamente, un gruppo piccolo gruppo di persone sta riuscendo a piccoli passi a ristabilire una sorta di normalità in questa situazione, continuando ad esempio a preparare e distribuire macerati d’ortica gratuitamente nonostante tutto questo risulti ancora illegale, dialogando allo stesso tempo con le istituzioni.  Queste sono le loro parole:

Attraverso il riconoscimento dei preparati naturali non ci interessa solo ottenere il libero utilizzo del macerato d’ortica nei giardini, ma vorremmo anche che l’agricoltore, o il giardiniere, recuperino un minimo del sapere tradizionale per tornare ad essere indipendenti. Vogliamo che si rendano conto che il loro suolo è vivo, che è il loro principale alleato, il loro principale arnese di lavoro.

Beh spero se non altro di avervi incuriosito, questi documentari sono veramente ben realizzati e sono disponibili online altre puntate dedicate al loto, al tasso e all’arabetta.

Purtroppo in questi giorni non sono riuscito a pubblicare con la solita frequenza perché sto cercando di radunare un po’ di materiale fra foto scattate, video ed alcune notizie interessanti trovate sui libri. A breve uscirà comunque un altro articolo… Diciamo un po’ diverso dal solito…

Come sempre, se ti è piaciuto l’articolo e vuoi ricevere informazioni su novità e aggiornamenti del blog, clicca sul pulsante ISCRIVITI in fondo alla pagina e segui le istruzioni!

Condividi l'articolo:

2 Replies to “Cos’hanno in comune l’ortica e le api?

    1. In effetti… Però trovo che esempi di mobilitazione popolare come quello francese dimostrano che è possibile, anche se a piccoli passi, far tornare il governo sulle proprie decisioni ed intavolare trattative per una visione dell’agricoltura un po’ più razionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *