Emily Dickinson

J111:

L’Ape non è impaurita da me.
Conosco la Farfalla –
il grazioso popolo dei Boschi
mi riceve cordialmente –

I ruscelli ridono più forte
quando arrivo –
più folli giocano le Brezze;
perché il tuo argento mi appanna la vista,
perché, Oh Giorno d’Estate?

J155:

Il mormorio di un’Ape
una Magia – produce in me –
se qualcuno mi chiede perché –
sarebbe più facile morire –
che dire –
Il Rosso sulla collina
mi toglie la volontà –
se qualcuno sogghigna –
stia attento – perché Dio è qui –
questo è tutto.
L’interrompersi del Giorno
accresce il mio Rango –
se qualcuno mi chiede come –
l’artista – che mi disegnò così –
lo dica!

J200:

Li rubai a un’Ape –
per – Te –
dolce pretesto –
lei mi perdonò!

J676:

La più piccola Ape che distilla –
un Carico di Miele
moltiplica l’Estate –
paga che il Suo più esiguo frammento accresca
la Quantità d’Ambra –

J994:

Prendine come fa l’Ape –
moderatamente.
Una Rosa è un Patrimonio –
in Sicilia –

J1775:

Per fare un prato occorrono un trifoglio e un’ape,
un trifoglio e un’ape,
e immaginazione.
L’immaginazione da sola basterà.
se le api sono poche.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *