La cera

 

7104
Due api operaie costruttrici con ghiandole della cera attive

 

La cera è (assieme alla pappa reale) un prodotto interamente di origine animale. Viene prodotta attraverso le ghiandole ceripare poste nella parte inferiore dell’addome delle api operaie giovani (fra il 10° ed il 18° giorno di età dallo sfarfallamento).

La cera viene emessa sotto forma di goccioline che a contatto con l’aria solidificano e rimangono in queste tasche che le api hanno posizionate fra i segmenti dell’addome.

Le api con le zampe posteriori estraggono le scaglie e le portano alla bocca dove, mischiandole con piccole quantità di polline e propoli, le lavorano e le modellano a seconda delle necessità.

Particolarmente pregiata e pura è la cera d’opercolo (cioè quella che viene utilizzata per sigillare le celle contenenti miele o covata).

ESTRARRE LA CERA:

La produzione di cera è un lavoro molto dispendioso in termini di energie (e quindi anche di risorse) per le nostre api. Per questo motivo gli apicoltori sono soliti dotarsi di macchine sceratrici solari che permettono di recuperare la cera da vecchi telaini, sciogliendola al sole.

wax-melter
Esempio di sceratrice solare. Il sole scioglie la cera che cola in una vaschetta. La lieve pendenza e la griglia per il filtraggio trattengono le impurità.

 

I PRODOTTI IN CERA:

pure_beeswax_candles_pure_soywax_candles
Candele in cera d’api

La cera un tempo aveva tantissimi impieghi: per l’illuminazione, per scultura e pittura, nelle pratiche religiose, nella medicina, e così via.

Oggi è stata soppiantata da sostanze più economiche, poiché la produzione di cera in Italia non riesce a soddisfare le esigenze nazionali e viene quindi spesso importata dall’estero.

Gli apicoltori infatti spesso non vendono la cera recuperata, bensì la riutilizzano per stampare nuovi fogli cerei che poi utilizzeranno sui propri alveari.

fogli-cerei_1
Fogli cerei per apicoltura. Costituiscono il punto di partenza per la costruzione dei favi e risparmiano un bel po’ di lavoro alle nostre api.

La cera viene comunque utilizzata oggi in odontoiatria, in cere pregiate per lucidare mobili, nella preparazione dei lucidi da scarpe, ecc.

In ambito cosmetico è utilizzata per stick da labbra e creme.

A livello artigianale viene utilizzata per la realizzazione di candele naturali dal profumo rilassante ed aromatico.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *