Il questionario “La donna è migliore in apicoltura rispetto all’uomo?”

Voglio concludere questa riflessione in merito alle questioni di genere in apicoltura mostrandovi i risultati del questionario che ho posto nei due precedenti articoli.

Abbiamo parlato di questo articolo nel nostro podcast, clicca qui per ascoltarlo!

Ad oggi ho ricevuto ben 21 risposte, sembrano poche ma non pensavo di superare nemmeno le dita di una mano!

Non chiuderò la possibilità di rispondere, nel caso in cui ne siate venuti a conoscenza soltanto adesso, quindi lascio qui sotto il link per poter continuare a contribuire anche in futuro.


https://goo.gl/forms/APEDw4ibkEo2HivJ2


Ovviamente questo questionario non ha alcuna rilevanza statistica, né si pone l’obiettivo di illustrare l’attuale situazione italiana. Lo scopo era soprattutto raccogliere il vostro pensiero e, vista la quantità di risposte raccolte, credo di esserci riuscita.

Bene, passiamo ai dati!

Come detto poco sopra, al questionario hanno risposto 21 persone, la cui suddivisione di sesso è rappresentata nel grafico qua sotto.

 

Essendo il questionario rivolto sia a persone che praticassero apicoltura ma anche a chi non avesse mai messo mano dentro ad un’arnia, ho cercato di sezionare i 21 partecipanti.  La maggioranza non si occupa di apicoltura ma 8 di loro si suddividono tra hobbisti, vale a dire producono miele per autoconsumo, e professionisti, cioè sono a capo o fanno parte di un’azienda che vende miele a tutti gli effetti.

Scendendo nella lettura degli otto apicoltori partecipanti, si vede come una piccola parte abbiano un’esperienza superiore ai 5 anni, mentre gli altri praticano l’attività (sia come lavoro o hobby) da meno di 5 anni.

Nel grafico qui sotto si vede come alcune persone preferiscono farsi aiutare, piuttosto che operare in apiario in solitaria. In fin dei conti non è semplice gestirlo quanto è composto da un numero abbastanza sostenuto di arnie, perché influscono anche altri fattori quali: il tempo a disposizione per effettuare l’ispezione, l’andamento meteorologico della giornata, il tipo di ispezione da fare; se devono essere svolte delle azioni particolari o dei trattamenti; il bisogno di spostare i componenti delle arnie e così via.

Discernendo il sesso degli aiutanti, si vede come in maggioranza ci si appoggia ad una mano maschile, nonostante una buona presenza femminile!

 

Dopo aver cercato di fare luce su chi fossero le apicoltrici e gli apicoltori rispondenti a questo questionario, e come si relazionassero con il relativo sesso opposto, veniamo alle risposte libere date da tutti alla domanda/titolo del nostro questionario.

Tentando di metterle in relazione alle risposte ricevute dal sito Honey Bee Suite, e che potete leggere nel precendente ed omonimo articolo (CLICCA QUI), mi piace affermare che il pubblico partecipante abbia visto molto più in lungo ed abbia ponderato bene.

Vi mostro alcune delle risposte:

Non credo che il genere sessuale incida o possa astrattamente in qualche modo incidere sulla qualità dell’apicoltora praticata, quanto semmai altri fattori relativi al singolo apicoltore (motivazioni, sensibilità verso le api, volontà di apprendimento e innovazione).

Ma anche:

Non penso che il genere vada a definire se una persona può essere o meno un/a bravo/a apicoltore/trice. Secondo me serve passione, esperienza, capacità e tanto studio.

Ho trovato molto interessante questo contributo, dove la persona partecipante ha provato a dettare una differenza sulla base della propria esperienza personale:

Per me non esiste un migliore o un peggiore. Per quella che è la mia esperienza, gli uomini sono più bravi nel recupero degli sciami, soprattutto in posti alti, le donne sono più precise nell’apertura delle arnie e attente nel non uccidere api.

Alcune risposte si sono limitate a sottolineare che la domanda “non ha senso” oppure “non è quella giusta”. Vorrei darvi ragione!

Sono molto più che contenta dei vostri contributi, soprattutto perché come ho già detto non speravo di riceverne!

Concludo questo articolo lasciandovi alle vostre riflessioni, ma non senza prima salutarvi con il commento più divertente:

L’ape Reggina si trova più a suo agio con una ragazza per fare gilz talks

Iscriviti al blog o alle nostre pagine Facebook, Twitter ed Instagram per avere sempre aggiornamenti in tempo reale!

A presto!

Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.