Salvare capra, cavoli ed elefanti

Oggi vi parlo di un’altra curiosità che ho scovato navigando in rete. Sapevate che le api vengono utilizzate anche per salvare gli elefanti?

Nel nord della Tanzania è stato lanciato un progetto pilota chiamato Elephants and Bees Project; il progetto ha il triplice scopo di:

  • Salvaguardare i raccolti degli agricoltori
  • Tutelare la sopravvivenza degli elefanti
  • Diffondere l’apicoltura e produrre del miele “Elephant friendly

arnia1
Barriera formata da arnie sospese

In Tanzania infatti, così come in molte altre zone del mondo, il transito degli elefanti rischia quotidianamente di distruggere le coltivazioni necessarie al sostentamento delle popolazioni agricole locali.

Il risultato di tutto ciò è che spesso gli agricoltori dovendo difendere la loro unica fonte di cibo, si trovano a scontrarsi con gli elefanti; questi, sentendosi minacciati, reagiscono in maniera aggressiva causando danni ingenti alle popolazioni autoctone e ai loro raccolti.

È proprio interrogandosi su questo problema che la  Dott.ssa Lucy King (vincitrice del St. Andrews Prize 2013) ha avuto l’idea di utilizzare le api come deterrente per il transito degli elefanti nelle zone coltivate dall’uomo.

L’idea, tanto semplice quanto ingegnosa, è stata quella di posizionare una barriera formata da alcuni alveari collegati fra loro da un filo. Ogni qualvolta un elefante fosse passato attraverso quella barriera, avrebbe scosso il filo agitando gli alveari, e le api, infastidite dallo scuotimento, sarebbero poi uscite per pungere l’elefante e metterlo in fuga.

arnia4
Arnia finanziata dal Disney conservation fund 

L’idea all’atto pratico funzionò egregiamente, tanto che gli elefanti decisero di utilizzare altri percorsi e iniziarono persino a riconoscere il ronzio delle api, standone alla larga.

Da quel momento il progetto si è espanso a livello mondiale e possiamo trovare quindi delle barriere di questo tipo in Kenya, Botswana, Mozambico, Tanzania, Uganda e Sri Lanka.

arnia3
Barattoli di miele Elephant friendly

Il miele raccolto dagli alveari viene poi utilizzato per contribuire al sostentamento dei piccoli agricoltori locali e all’ampliamento di questa pratica, che in modo naturale permette all’uomo e alla natura di convivere pacificamente.

Condividi l'articolo:

0 Replies to “Salvare capra, cavoli ed elefanti

  1. Piacere mio Luna, e grazie per i complimenti. Molto bella e ben realizzata la tua idea del blog fotografico! Se un giorno ti dovesse scappare di fotografare qualche ape, noi ci offriamo volontari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *