Vespa velutina in Toscana

Forse alcuni di voi ricorderanno il post di qualche tempo fa in cui ho parlato della vespa velutina nell’ambito dei predatori/nemici dell’alveare.

Questo calabrone asiatico, particolarmente pericoloso per le nostre api mellifere (ma anche per l’uomo) è stato purtroppo rinvenuto (la notizia è stata confermata ieri 27 giugno 2017) anche in Toscana.

L’esemplare adulto che vedete nella foto di copertina dell’articolo, scattata da Antonio Felicioli dell’Università di Pisa, è stato rinvenuto a circa 150 Km dall’area di infestazione, (che comprende oramai oltre a metà Liguria anche Piemonte Veneto e Lombardia) nell’area di Pietrasanta in provincia di Lucca.

Il calabrone è stato identificato presso il dipartimento di scienze veterinarie dell’Università di Pisa, luogo in cui è tutt’ora conservato.

Massima allerta quindi da oggi anche in Toscana, nella speranza di riuscire a contenere la diffusione del calabrone individuando la presenza di eventuali colonie.

Per qualsiasi informazione come sempre potete fare riferimento al sito di stop velutina.

Qui trovate il link all’articolo che è oggetto di questo post:

http://www.stopvelutina.it/la-velutina-in-toscana/

AGGIORNAMENTO AL 30 giugno 2017:

Nel medesimo apiario di Pietrasanta (Lucca) è stata rinvenuto un altro esemplare di vespa velutina, per cui purtroppo possiamo escludere la teoria del singolo esemplare isolato. Purtroppo la velutina ha nidificato ed ora il team locale di StopVelutina stabilirà un piano di intervento da porre in atto assieme alle associazioni locali di apicoltori.

Link all’aggiornamento

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *