Bricolage con favi di cera d’api

Dovendo sistemare parecchi favi in eccesso, recuperati durante la rimozione di una grande colonia di api , ho pensato di realizzare una sorta di oggetto d’arredamento sfruttando proprio quello che mi era rimasto.

Anziché sciogliere tutto nella sceratrice, ho pensato di ripulire per bene questi favi, così ben realizzati dalle api, in modo da poterli conservare il più a lungo possibile.

Veniamo al dunque!

Prima di tutto per scongiurare problemi con la tarma della cera (che finirebbe col divorare tutti i favi) ho provveduto a mettere tutto in congelatore in modo da eliminare completamente la presenza di eventuali uova.

Poi ho steso i favi ad asciugare in un posto arieggiato e all’ombra, dato che se chiudessimo i favi ancora mezzi congelati ed umidi avremmo sicuramente problemi con l’insorgere di sgradevoli muffe.

IMG_20170522_224910
In questo caso tutto ciò di cui abbiamo bisogno è solamente il coltellino di MacGyver.

Una volta asciutti per bene, ho iniziato a tagliare i favi a quadrettoni più o meno grossolani, in modo da poterli inserire in dei barattoli capienti e con chiusura ermetica.

IMG_20170522_224930
No, non sono waffle! Sono favi di cera ritagliati che presentano varie tonalità, dal giallo chiaro tendente al bianco per i favi più nuovi, fino ad arrivare al marrone scuro per quelli più anzianotti.

È necessario essere molto delicati, specialmente quando si maneggiano favi molto nuovi.

Questi favi sono meno rigidi, ed il calore della mano unito ad una piccola pressione può ammaccare facilmente le cellette. Serve inoltre utilizzare un coltello molto tagliente, altrimenti rovineremmo in maniera irrimediabile l’integrità del favo.

Terminata questa operazione mi sono dedicato alla pulizia finale.

IMG_20170522_224945
Con una pinzetta diamo un ultimo ritocco per far belli i nostri favi e rimuovere eventuali impurità dalle cellette.

Con la pulizia finale dei favi ho potuto finalmente inserire i ritagli dentro ai barattoli, terminando così il lavoro.

IMG_20170522_204525
La perfetta costruzione delle cellette ed il profumo della cera unita alla propoli per me ha sempre il suo fascino. Ho pensato così a quest’idea per rendere giustizia al duro lavoro delle api operaie.

Questi barattoli faranno parte dell’arredamento del piccolo laboratorio che stiamo finendo di allestire, e che magari vi mostrerò in uno dei prossimi articoli.

Pensavo che forse potrebbe essere una buona idea quella di creare una sorta di lanterne, inserendo all’interno di questi barattoli qualche luce a led (quelle ad incandescenza scioglierebbero la cera).

L’effetto della luce attraverso il sottile strato di cera dei favi crea sicuramente un bell’effetto, quindi magari nei prossimi giorni mi cimenterò in qualche esperimento.

Come sempre, se ti è piaciuto l’articolo e vuoi ricevere informazioni su novità e aggiornamenti del blog, clicca sul pulsante ISCRIVITI in fondo alla pagina e segui le istruzioni!

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *